GET IN TOUCH:

© 2017 by Nicola Evangelisti. 

CONTACT US:

 

NICOLA EVANGELISTI: THE OBSCURE LIGHT OF SPACE-MATTER

 

The safety of space provides a solid support to existence and to human thought. This safety rests upon the difference between near and far. In Nicola Evangelisti’s artistic experience, this relationship is disturbed and the notions of “near” and “far” are lost, mixed, so that orientation finally becomes impossible. In the same way, Evangelisti mixes painting and sculpture, installation and environment art thanks to mixed media techniques, shaping, and jutting elements.

If we consider the accurate calculations underlying his concretions, Evangelisti’s space can be described as an ordered chaos. But then again, if we think of its “fantastic” developments, escaping all rational explanation and measuring, we can as well refer to this space as a chaotic order. This may recall Mandelbrot’s theory of “fractals”, which makes us think of Evangelisti’s work as an artistic response to the new scientific trend that began to emerge during the Sixties, when the categories of simpleness, order and regularity as epistemological priorities were given up in favour of the opposite categories, i.e. complexity, disorder, and chaos.

His works are of different types and made with different materials (resins, aluminium, Plexiglas, optic fibres, glass, etc.), but all can be traced to a sort of “new spatialism”. In an empty space, as a result of the exchange of vital energy between lines, light and shadow, we see forms appearing and disappearing like reflections of anti-matter, inflated with their own existence which is made of instants. Forms disappear and get trans-formed, as they prepare to enter another dimension. The optical flow which departs from them and hits us manifests itself through an intense chromatic, luminist, vibration. Light gets trapped in these structures, but, in order to unfold, it needs the atmosphere, it needs to meet the shadow. The “mystery” of light penetrates this exploded geometry, seeping through the multiple meanders of the structure, going in and out, getting absorbed or glanced off. If it is true that two parallel lines tend to converge, ad infinitum, to a vanishing point, Evangelisti’s art seems to show that, ad infinitum, light approaches and moves away at the same time, contracting and expanding in a constant pulsation.

“Digging” space, as it were, with the help of light and colour, the young bolognese artist seizes time as metamorphosis and memory, as the writing of the traces left by events. The spatial-temporal dimension unfolds through the metamorphosis of matter, which appears like an infinite, self-generating body lacking a subject, the symbiosis between the artist’s body and the body of the work forming an integral part of this complex body. The matter of which it is made follows a catastrophic course, in the original dramaturgic sense of “catastrophe” as solution and disclosure. Through the hand and the thought of the artist, matter rediscovers itself as the original material of “the things that have been hidden ever since the creation of the world” (René Girards). This cosmic matter does not close upon itself but expands and explodes, breaking into fragments, endlessly stratifying, now plunged in a deep thought, now stretched out in an apocalyptic tension.

Evangelisti does not seek his forms and colours in the natura naturata, the exterior appearance of the world as it falls under our gaze every day, but in the natura naturans, the generative principle that gives things their outward look and transforms them, so that his images almost seem to take shape by themselves, as in a biological process. The artist’s aim is also to remove the barrier between the inner space where images are produced and the objective space of perception.

Commenting on Dante, Mandel’stam talked about the “convertibility of poetical matter”. Echoing Mandel’stam, we could say that the property that enables Evangelisti to create his metamorphic-metaphorical art is the “convertibility of painterly-sculpting matter”. Once made elastic and incredibly susceptible to pressure, matter gets modelled even by the most imperceptible variations, by the slightest start, oscillation or palpitation. In his Critique of Judgement, Immanuel Kant talks about the germinal, early stage of knowledge which escapes verbal expression, an appearance that lacks any evidence or permanently recognizable form, because it admits of nothing but the visionary power of imagination. This is Kant’s definition of the sublime: the presence of pure appearance, the irreducibility of the visible to the utterable.

In the “cosmogonies” of Evangelisti’s painting-sculpture, art becomes a chiasmus, juxtaposing the “fullness” of matter and the “emptiness” of spirit, the energy of thought. It looks like a fluid, ever-changing body, and that is why the dense layers of colour-matter seem to be animated from within by a tumultuous movement of energies disturbed by an imperceptible, bloody flow of matter. Colour makes light bloom, makes it coagulate in thin layers which muffle, contain and house it. Light springs from the obscure depths of matter, the embodiment of a pure introspective look that lacks any connection with the outward “truth” of atmospheric phenomena. These works are a pan-cosmic hymn and at the same time an ascetic hymn celebrating an “other” place, a force that helps the artist resist the sweeping outburst of life.

These movements of stratification, of veiling and tearing, accumulation and cancellation, the alternation of shiny and opaque tones, make of Evangelisti’s painting a quest for the true identity of light -which is not vision but blinding, a road leading to the heart of light, which is a dense, thick darkness crossed by waves of intense colour. This occult heart does not offer the certainty of rationality nor the splendour of daylight, but weaves an obscure geometry whose centre has gone lost.

The mystery of space-matter is experienced as the conflict between whole and nothingness: the whole and nothingness, the finite and the infinite chase each other without ever meeting. They never merge, they only touch, always.

Original version:

NICOLA EVANGELISTI: L'OSCURA LUCE DELLO SPAZIO MATERIA

 

La sicurezza che offre normalmente lo spazio, il solido sostegno che fornisce all’esistenza e al pensiero umani, riposa sull'articolazione vicino/lontano. Nell’esperienza artistica di Nicola Evangelisti, questo rapporto è disturbato: le nozioni di “vicino” e “lontano” si perdono, si confondono, venendo ad annullare  ogni possibilità di orientamento. Così come si confondono pittura e scultura, installazione e opera-ambiente, grazie al polimaterismo, alle sagomature e agli elementi aggettanti.

 E’ uno spazio, quello di Evangelisti, che può essere letto come un caos ordinato, in ragione del rigoroso calcolo che guida le sue concrezioni, o come un ordine caotico, se si tiene conto dei suoi sviluppi “fantastici” , che sfuggono alla razionalità e alla misurazione. Un “caos” che può far pensare alla teoria dei “frattali” di Mandelbrot, e che dunque riflette, sul piano artistico, l’indirizzo scientifico affermatosi a partire dagli anni ’60 del Novecento: rinunciare alla priorità epistemologica delle categorie di semplicità, ordine, regolarità , a favore delle categorie opposte : complessità, disordine, caoticità.

Le tipologie delle sue opere sono varie, e realizzate con vari materiali (resine, alluminio, plexiglass, fibre ottiche, vetro ecc.), ma tutte sono riconducibili a una forma di “nuovo spazialismo”. Nel vuoto, per effetto dello scambio di energia vitale tra linea, luce e ombra, compaiono, e si dileguano, forme che sembrano riflessi di anti-materia, gonfie di una loro esistenza che procede per istanti. Forme che svaniscono, e poi si trans-formano per entrare in un diverso orizzonte. Il flusso ottico che parte da esse e ci colpisce, si esplica attraverso una vibrazione cromatica, o luministica, di potente intensità . La luce è intrappolata in queste strutture, ma per manifestarsi ha bisogno di un’atmosfera, di confrontarsi con l’ombra. Il “mistero” della luce, penetra in queste geometrie esplose, si incunea in giochi multipli, esce e rientra, viene assorbito e rimbalza. Se è vero che all’infinità due rette parallele tendono a convergere, Evangelisti sembra voler dimostrare che all’infinito la luce si avvicina e si allontana nello stesso tempo, si contrae e si dilata in un pulsare continuo.

“Scavando” lo spazio con la luce-colore, il giovane artista bolognese afferra il tempo come metamorfosi, e il tempo come memoria, come scrittura delle tracce degli eventi: la dimensione spazio-temporale si dipana attraverso le metamorfosi della materia, che appare come un infinito corpo autogenerantesi, privo di soggetto, di cui la simbiosi corpo dell’artista /corpo dell’opera fa parte integrante. La materia di questo corpo complesso è caratterizzata da un andamento catastrofico, nel senso quasi drammaturgico di una soluzione e di una scoperta:  la materia arriva a riconoscersi, attraverso la mano e il pensiero dell’artista, come materia originaria, quella delle “cose nascoste sin dalla fondazione del mondo”(René Girard). E’ una materia cosmica che non si richiude su se stessa, ma si dilata, esplode, si frantuma e si stratifica ad infinitum, ora in un’assorta contemplazione, ora in una tensione apocalittica.

Evangelisti non chiede forme e colori alla natura naturata, all’aspetto del mondo che cade ogni giorno sotto il nostro sguardo, ma alla natura naturans , principio generatore delle cose, delle loro sembianze  e delle loro metamorfosi . Le immagini sembrano così formarsi autonomamente, come accade per i processi biologici. Scopo dell’artista è anche quello di eliminare la barriera tra lo spazio interiore, in cui si producono le immagini, e lo spazio oggettivamente percettibile .

Il pensiero metamorfico-metaforico di quest’arte si realizza per mezzo di una proprietà che, usando un’espressione di Mandel’stam , il quale  parla di «convertibilità della materia poetica», a proposito di Dante , potrebbe definirsi «convertibilità della materia pittorico-scultorea” : resa elastica e incredibilmente sensibile, la materia è plasmata dalle più impercettibili variazioni, dai minimi sussulti oscillazioni palpitazioni. Kant, nella Critica del giudizio, parla di un momento germinale, aurorale, del conoscere, che sfugge alla parola. Un apparire in cui non c’è evidenza o forma stabilmente riconoscibile , perché non si dà altro che la capacità  visionaria dell’immaginazione. Kant designava così il sublime: come il prodursi del puro apparire, l’irriducibilità del visibile al dicibile.

La scultura-pittura di Evangelisti, nelle sue “cosmogonie”, si fa chiasmo del “pieno” della materia con il “vuoto” dello spirito, con l’energia del pensiero. Ci appare come un corpo fluido e in perenne metamorfosi. Per questo le dense stratificazioni di materia-colore sono come internamente animate da un febbrile travaglio di energie, intorbidite da un impercettibile flusso emorragico di materia. Il colore, fa germogliare la luce, che si raggruma nelle velature che la ovattano, la contengono e la ospitano. La luce sgorga dall’oscura profondità della materia : luce che incarna il puro sguardo introspettivo, senza più agganci con la «verità» esteriore dei valori atmosferici. Queste opere sono un inno pancosmico e nel contempo un inno ascetico che rimanda a un “altrove”, a una forza che consente all’artista di resistere di fronte al semplice irrompere della vita.

Nel suo procedere per stratificazioni, velamenti e lacerazioni, accumuli e cancellazioni, alternanze di lucido e opaco, questa pittura si fa allora cammino verso l’identità della luce, che non è visione ma accecamento. Verso il cuore della luce, che è tenebra densa e pingue, solcata da intense vampate di colore. Questo occulto cuore della luce non offre certezze alla ragione, né splendori diurni, ma intesse un’oscura geometria il cui centro è smarrimento.

Il mistero dello spazio‑materia è vissuto come conflitto fra il tutto e il nulla : tutto e nulla, finito e infinito s’inseguono, senza poter mai raggiungersi, senza finire mai col coincidere, ma sfiorandosi, sfiorandosi sempre.

 

 

Silvia Pegoraro – Luglio 2001 – da “MITO E MARTERIA” – Editrice Bandecchi e Vivaldi Pontedera

 

MITO E MATERIA - Scultura, altro ed oltre

Catalogo della mostra tenuta presso il borgo medievale di Castelbasso agosto 2001

a cura di Silvia Pegoraro

Catalogo edito da BANDECCHI &VIVALDI, Pontedera.

 

AROUND THE LIGHT -  PERI PHOTOS

Nicola Evangelisti’s natural attraction towards scientific and cosmological themes oriented his artistic work towards a
progressive conquer and redefinition of the physical space, in a continuous attempt to synthesize the natural order of things.
An archeology of the future and futurity that, by breaking down the matter’s first cause with its theoretical premises, finds its
explicative dimension and its dramatic peculiarity.

The series of works “Chromocosmos” cuts straight into at least two of the great abundance arteries which are feeding the artist’s poetry: the philosophical and conceptual inquiry, propaedeutical to the real developing of a new space formulation. The real-time
chromatic rotation exploits the three-colour digital process to cut through the fluctuating light, in the complexity of the space lattice, altering the spatial sensibility.
The light, being matter and antimatter at the same time, for the extent of its flimsiness, intangibility, imperceptibility, with its
natural tendency to expand and extend itself, is stopped in the groove traced by the artist and projected toward a dimension
referable to the space general principles. In the visualization of the reality’s virtual dynamics a further and personal cosmical
hypothesis is born. Through the fully non-Euclidean geometrical research and rebuilding of the original chaos, the intact essence
of the spatial structure is found again: an unstable equilibrium constantly exposed to the uncertainty of elements, a mirror of
evolutive forms that, after being crossed, lets one to visually spin an optical spiderweb of liquid, biomorphic constructions.
The light, from being a means, a necessary medium to exalt the details, becomes subject and protagonist, a complete artwork
in itself, capable of reestablishing distances and formulate questions; in its mirrored infinite dimensions, in the shadows, in its tonal shading an interweave of planes is consumed, creating a perspectives network, a synergy where the detail forestalls, prevails and contains the whole by which it is made. The movement is centrifugal, centripetal and static altogether, the correspondences ofcosmical analogies are supposing inquiries retraced even before having known them, fragmented up to the point of being a mislaying of preconscious memories left free to go back to the infinite.


Alberto Gross  2010

 

 

Origianal version:

AROUND THE LIGHT - PERI PHOTOS

L’attrazione naturale di Nicola Evangelisti per problematiche scientifiche e cosmologiche ha orientato il suo lavoro artistico verso una progressiva conquista e riqualificazione dello spazio fisico, in un continuo tentativo di sintesi dell’ordine naturale. Un’archeologia del futuro e del futuribile che, nella scomposizione delle cause prime della materia e nelle premesse teoriche, trova la sua dimensione esplicativa e la sua peculiarità drammatica. Il ciclo di opere “Chromocosmos” attraversa almeno due delle grandi arterie d’abbondanza che informano la poetica dell’artista: la speculazione filosofica e concettuale, propedeutica allo sviluppo reale di una nuova riformulazione dello spazio. La mutazione cromatica in tempo reale utilizza la tricromia digitale per attraversare la luce fluttuante nella complessità del reticolo micromacrocosmico, alterando la sensibilità spaziale.

La luce, materia/anti-materia, nella misura in cui è inconsistente, impalpabile, impercettibile, naturalmente portata ad espandersi, ad estendersi, è fermata nel solco tracciato dall’artista e proiettata verso una dimensione riconducibile ai principi generali dello spazio. Nella visualizzazione delle mutevoli dinamiche della realtà si produce un’ulteriore e personale ipotesi cosmica che, attraverso la geometrica ricerca e ricostruzione del caos originario, del tutto antieuclidea, ritrova l’essenza intatta della struttura spaziale: un equilibrio instabile costantemente esposto alla precarietà degli eventi, specchio di forme evolutive attraversando il quale si riesca a tessere visivamente una ragnatela ottica di costruzioni liquide e biomorfe.

La luce, da mezzo, tramite necessario ad esaltare il dettaglio, diviene essa stessa soggetto e protagonista, opera d’arte totale capace di ristabilire distanze e formulare domande; nella dimensione dell’infinito riflesso, nelle ombre, nelle digradanti gradazioni di toni si consuma un intreccio di piani, un incastro di prospettive, una sinergia in cui il particolare previene, prevale e contiene il tutto di cui si compone. Il movimento è centrifugo, centripeto e-statico assieme, le corrispondenze di analogie cosmologiche ipotizzano questioni ripercorse ancor prima di averle conosciute, frammentate ai limiti di memorie pre-coscienti lasciate riandare all’infinire.

Alberto Gross - 2010 - testo per il catalogo della mostra Around the Light

AROUND THE LIGHT - 2010

Ed. PaciArte Contemporary - Brescia 

FROM PHYSICS TO POLITICS: NICOLA EVANGELISTI'S ARTISTIC JOURNEY IN THE CONTEMPORARY WORLD

 

 

In his theoretical texts, artist Nicola Evangelisti –  espousing an idea of Belgian-Canadian sociologist Derrick de Kerckhove – likes to remind us that humanity may be entering the last stage of the Electric Era, a time which has been marked by the predominance of technology and connected intelligence.

The web – a sort of biological trait d'union connecting the individual minds in a super or suprapersonal nervous system capable of transforming subjectiveness into objectiveness – well represents the distinctive paradigms of our time, including the investigations and the discoveries of Science, in particular astrophysics and molecular biology.

Evangelisti's art follows these basic statements in a straight on and consequential logical process – from Einstein's Theory of General Relativity with its many implications and consequences, to Schwarzschild’s metric. From quantum mechanics to the minimum constituent elements of Matter. From nano- and biotechnologies to fractal geometry and finally to multiverse cosmology, "parallel universes" connected by space-time passages: Evangelisti has always explored the most complex concepts and constructions that scientific progress has ever produced; he is persuaded that they can offer a culture medium where the perennial atavistic human reflexion on ultimate meanings can be pursued. As rational knowledge cannot offer a final interpretation of phenomena, Evangelisti does not look for answers, but rather he suggests a series of work-in-progress models.

That is in fact precisely Nicola Evangelisti’s idea: the appeal of scientific doctrines lies in the provisional nature of their solutions, in the contradictions implied in conflicting theories on world systems (even though each is proven by a seemingly irrefutable mathematical demonstration). Their genuine nature is thus revealed: they are bold creations of the mind rather than impersonal and absolute truths which can only be disclosed. In a word, they are inventions, not discoveries.

Through these specific ideas, the artist identifies a potential relation with the Reasons of Art and he pursues it in his installations, videos, holograms, light-boxes, in so-called digital sculptures made with early 3D printing technologies (rapid prototyping).

In Evagelisti's opinion the evocative power of science toward the development of an aesthetic discourse stems from what he sees as its "relativistic" and phenomenological character. Evangelisti sees art both as "a virus that can destabilize clichés" and as "communication of questions": sometimes, thanks to its visionary intuitiveness and its cognitive drive, art succeeds in devising a unifying solution which unexpectedly anticipates a biological or physical issue (we are thinking of Giacomo Balla's prefiguration of the genome; or of Lucio Fontana, changing space-time topography with his punctured canvas). On the other hand, just as every scientist needs a strong creative factor to advance in his research, never taking anything for granted or final, the artistic creator, similarly, must constantly rethink and reconsider the ground rules of his or her own language.

Nicola Evangelisti usually underlines that he is just catching and conveying the thoughts and emotions scientific research – with all its ethical, philosophical and sociological compromises – produces in him. In fact, though, Evangelisti's works – in particular in the first decade of the 21st century – are actual visualizations and representations of mathematical laws and principles expressing the intimate structure of reality that our senses cannot perceive: cosmic hypotheses, space frames conceived as webs of light sketching the Universe, directrices of the lines of force generated by gravitational fields, coagulated primal substance and total DNA.

Evangelisti essentially chooses to show the marvels of reality, but not their phenomenal semblance. He prefers to show the essential constituents or, in his words, "the absolute of plastic values": the structural core, that is, and the mechanical processes; the cosmological trends, probed and exposed to the viewer’s spellbound contemplation through visually fascinating conceptual gestures using technological means and materials.

In his works energy and movement are the real generators of forms, colors and tracks: this process occurs because the artist relies on different media without wavering in his main poetic assumptions and goals. Thus complex networks of lines and light beams are projected in a dynamic continuum of phantasmagorical flares, but they are fully controlled and mastered by meditation on the relations between the fundamental elements of the Universe: space and light. Space must be seen as both astronomical and mental. Light evokes Einstein's famous equation on the relation between mass and energy, at the origin of every visible thing.     

Despite the risk inherent to a study which is seemingly alien to the painful materiality of everyday life, Evangelisti's reflections preserve their connection to the "accidental" and contingent side of life and do not get estranged in an aprioristic analysis of the noumenon. He prefers to penetrate the roughness and asperities of the dasein, our being-in-the-world.

YOU-ARE-NOT-SAFE (2006) is an emblematic example of Evangelisti's art: the work combines some of the tenets of optics and astrophysics with a critical consideration of one of today’s most pressing issues. The installation relies on holografic effects: it consists in a photon-projectile progress sequence hitting four couples of crystals placed on steel supports: from  "YOU" (the first metal pedestal) it proceeds to hit "ARE" and NOT", finally getting to "SAFE" and creating the illusion of motion across eight transparent sheets. Faced with the message left by this last passage of the particle of light energy, "SAFE", the viewer experiences a subtle feeling of anxiety and dread: <Will this "light bullet" hit me after piercing all those sheets?>. This reaction reflects the feeling of insecurity which pervades contemporary society, triggered by terrorism and magnified by the media.

YOU-ARE-NOT-SAFE may be considered a key step in Evangelisti’s artistic journey. It was in fact the starting point of a new series of projects which bring into the open his formerly implicit views on social and political issues. First of all, revising the original holographic installation, he decided to add concrete elements to it, using gun cartridge cases to compose the work’s title. Then, in his Temporary Illusions project (2012), he analyzed the tensions and conflicts of our times of economic crisis choosing as his special perspective the relationship between what is real and what is virtual in the dynamics of high finance. Lately, Evangelisti has decided to concentrate his research on that feeling of disquiet he had evoked with YOU-ARE-NOT-SAFE, now focusing mainly on the role played by communication and the web in producing the present “Holy War” climate of fear. It is, in a sense, a return to Derrick de Kerckhove's paradigm.

His DEMOCRACY, PEACE, WAR, FREEDOM installations, built with bullet cases, and his TARGET holographic sculpture – it is the viewer who becomes a target through sights aiming an evanescent luminous bullet – are the core elements of a new artistic project: BEWARE. This is strictly inspired by today’s international political instability and consequent general sense of insecurity. Terrorism and common violence, killing in the name of hatred, necessarily affect our everyday life and existence, influencing our very emotions and behaviors. The Western countries which had gone so far as trying to "export" the concepts of Freedom and Democracy forcibly (a paradoxical endeavour, if one thinks it over) are now under attack from both the inside and the outside, by individuals and organizations that aim to destabilize our false certainty of being inviolable.

As an attentive observer of contemporary society – and in fact he already was in his earlier “scientific” projects – Evangelisti takes note of and records this state of reality and expresses our fears through the perceptional illusion he generates in installations made with both objective, that is, tangible components, and immaterial elements. 

In his HOLY LANCE work, the weapons, the knives used to kill the victims of the so-called Caliphate, are arranged to sketch out the image of gun sights (visually coinciding with the familiar shape of a cross) to emphasize the paradoxical and contradictory nature of violence perpetrated in the name of God. Reflective steel blades and digital shapes mirroring the appearance of what surrounds them help to create a space which is both physical and mental, where we pause, lost in meditation.     

Curator Olivia Spatola has remarked that the gun sights symbol emerges in different ways in this BEWARE exhibition, not least as a holographic light suspended in front of a bullet which is seemingly ready to hit the viewer, taking him or her unawares. This suggests at least two further considerations. The interaction between objective reality and virtual presence is a constant feature in Nicola Evangelisti's work. Light, moreover, plays a permanently central and vital role in his personal artistic research: he investigated it in physical and philosophical terms in the past, but today he taps into this element so dear to him to conduct his harsh and uncompromising analysis of social and political dynamics and of the evolution of collective psychology. In Nicola Evangelisti's vision, light remains a generative factor of art – his art that actually looks at the world and has something to say about reality, about us all.    

 

 

Paolo Bolpagni

Nicola Evangelisti _ BEWARE

ed. Vanilla  2015

ORIGINAL VERSION:

DALLA FISICA ALLA POLITICA:

IL PERCORSO ARTISTICO DI NICOLA EVANGELISTI NEL MONDO D'OGGI

Come Nicola Evangelisti ama ricordare nei suoi testi teorici, facendo proprio il pensiero del sociologo belga-canadese Derrick de Kerckhove, l’umanità sarebbe entrata nell’ultima fase dell’era elettrica, contraddistinta dal dominio della tecnologia e dell’intelligenza connessa. Paradigmi peculiari della nostra epoca sono così individuati nel web (sorta di tessuto di giunzione che collega le menti individuali in un sistema nervoso sovrapersonale, tramutando il soggettivo in oggettivo) e nelle indagini e scoperte della scienza, in particolare dell’astrofisica e della biologia molecolare.

L’arte di Evangelisti ha preso spunto da questi asserti basilari, in una consequenzialità perfettamente logica e diretta. Dalla teoria einsteiniana della relatività, con le sue molteplici implicazioni e ripercussioni, alla metrica di Schwarzschild; dalla meccanica dei quanti allo studio degli elementi minimi e costitutivi della materia; dalle nano e biotecnologie alla geometria frattale, fino alla tesi cosmologica dei multiversi, ovvero “universi paralleli” collegati da cunicoli spazio-temporali, la sua ricerca si è misurata con i concetti e le costruzioni più complesse del progresso scientifico, nella certezza che in esse fosse possibile trovare un terreno di coltura ideale per dar corso all’atavica e perenne riflessione dell’uomo intorno alle cose ultime. E non certo con lo scopo di ottenere o rinvenire risposte, dal momento che il sapere razionale non offre una lettura definitiva dei fenomeni, bensì formula una serie di modelli continuamente rivisitati e aggiornati. Anzi, è proprio nella provvisorietà delle soluzioni, nel contraddittorio conflitto delle teorie aventi per oggetto i massimi sistemi (ognuna, peraltro, avallata da un’apparentemente inconfutabile dimostrazione matematica) che risiedono, per Evangelisti, l’interesse e l’umanissimo fascino delle dottrine scientifiche, che mostrano in tal modo la loro autentica natura di ardite creazioni dell’ingegno, piuttosto che di verità impersonali e assolute, suscettibili soltanto d’essere svelate: insomma, invenzioni e non scoperte.

Di qui deriva l’individuazione di un possibile rapporto con le ragioni dell’arte, quale è stato perseguito dall’autore nelle sue installazioni, nei video, negli ologrammi, nei light-box, nelle cosiddette “sculture digitali” ottenute tramite le prime tecniche di stampa tridimensionale (rapid prototyping). Dal carattere per così dire “relativistico” e fenomenologico ch’egli attribuisce alla scienza deriva, infatti, la sua capacità di fornire suggestioni per l’elaborazione di un discorso estetico. Sia perché l’arte – intesa da Evangelisti come “virus che destabilizza i luoghi comuni” e “comunicazione di domande” – riesce talvolta, grazie alla sua intuitività visionaria e carica conoscitiva, a escogitare soluzioni unitarie e imprevedibilmente anticipatrici di questioni afferenti alla biologia o alla fisica (pensiamo a Giacomo Balla che prefigura il genoma o a Lucio Fontana che fora il supporto delle tele per cambiare la topografia dello spazio-tempo); sia, all’inverso, per il consistente fattore inventivo necessario allo scienziato per procedere nella ricerca senza dar mai nulla per assodato e stabilmente raggiunto, che lo accomuna all’analogo impulso che spinge l’artista-creatore a ripensare di continuo la grammatica stessa del proprio esprimersi.

Evangelisti afferma di essersi limitato a captare e trasmettere le emozioni e gli spunti che l’indagine scientifica, con le sue compromissioni etiche, filosofiche e sociologiche, suscita in lui; ma, di fatto, le sue opere – soprattutto quelle del primo decennio del XXI secolo – costituiscono visualizzazioni ed estrinsecazioni di leggi e principi formalizzabili in termini matematici, che spesso non sono percepibili con i nostri sensi, ma rappresentano la struttura intima dell’esistente: ipotesi cosmiche, strutture spaziali ideate quali intrecci di luce configuranti “l’imbastitura” dell’universo, direttive delle linee di forza dei campi gravitazionali, raggrumazioni di materia vitale primordiale, DNA totali. A ben discernere, la scelta fondamentale di Evangelisti consiste nell’additare agli uomini la meraviglia del reale, rivelandone, però, non le parvenze fenomeniche, ma le componenti prime ed essenziali, ovvero “l’assoluto dei valori plastici”, stando alla sua definizione: insomma le essenze strutturali, i processi meccanici, gli andamenti cosmologici, scandagliati e manifestati alla contemplazione incantata dello spettatore tramite il ricorso a gesti concettuali di grande fascino visivo, che si avvalgono di mezzi e materiali tecnologici. Autentiche generatrici di forme, colori e traiettorie, in questi lavori dispiegati nell’adozione di differenti media (ma strettamente apparentati dalla poetica, nei presupposti e negli esiti), sono l’energia e il movimento, da cui traggono origine complesse intessiture di linee e fasci luminosi proiettati in un continuum dinamico di bagliori fantasmagorici ma rigorosamente governati, cui sovrintende pur sempre la meditazione intorno alle relazioni intercorrenti tra gli elementi fondamentali del cosmo, ossia lo spazio e la luce. L’uno è da interpretare in senso tanto astronomico quanto mentale; l’altro allude all’inscindibile rapporto, esplicitato dalla celebre equazione di Einstein, tra la massa e l’energia, che starebbe all’origine di ogni entità visibile.

È una riflessione, quella di Evangelisti, che, a dispetto dei rischi insiti in uno studio apparentemente estraneo alla sofferta concretezza della quotidianità, in realtà non perde mai di mira la natura “accidentale” e contingente del nostro esistere, non si estrania in un’analisi aprioristica del noumeno, ma ama addentrarsi nei contrasti e nelle asprezze del Dasein, del nostro essere-gettati-nel-mondo. Lo testimonia, per esempio, un’opera emblematica come YOU ARE NOT SAFE (2006), che si propone di coniugare alcuni assunti dell’ottica e dell’astrofisica con la considerazione critica di problematiche della più pressante attualità. L’installazione, imperniata su effetti olografici, consiste in una sequenza di movimento di un fotone-proiettile in rapporto a quattro coppie di cristalli posizionate su altrettanti piedistalli in acciaio; dal primo basamento (“YOU”), passando per “ARE” e “NOT”, si conclude con “SAFE” l’illusione dell’attraversamento delle otto lastre trasparanti. Allo spettatore, posto di fronte all’ultimo passaggio della particella di energie luminosa, è instillato un sottile senso d’inquietudine e timore (il “proiettile” verrà a colpirmi, dopo aver trapassato tutti gli schermi che gli si frapponevano?), che si fa specchio e simbolo dell’insicurezza che permea l’epoca contemporanea, indotta dal terrorismo e alimentata dai mass-media.

In effetti, YOU ARE NOT SAFE è un’opera-chiave nel percorso di Nicola Evangelisti, che, partendo da tali assunti, negli ultimi anni è andato sviluppando un nuovo ciclo di lavori e approfondendo i temi d’analisi socio-politica che prima erano perlopiù impliciti. Anzitutto, ha deciso di aggiungere in un secondo tempo, all’installazione olografica, la scritta del titolo realizzata con bossoli di fucile. Poi, con il progetto Temporary Illusions del 2012, ha analizzato le tensioni e i conflitti della nostra epoca dal punto di vista della relazione fra reale e virtuale nelle dinamiche dell’alta finanza, nel contesto della crisi economica.

Il più recente approdo della ricerca di Evangelisti prende le mosse sempre da quel senso d’inquietudine che già si era riscontrato in YOU ARE NOT SAFE, ma concentra l’attenzione soprattutto sul ruolo della comunicazione e del web – torniamo, in fondo, al paradigma di Derrick de Kerckhove – nel produrre il terrore tipico dell’attuale “guerra santa”. Le installazioni DEMOCRACY, PEACE, WAR, FREEDOM (realizzate con bossoli), insieme alla scultura olografica TARGET (dove lo spettatore diviene bersaglio di un proiettile evanescente e luminoso attraverso un mirino di precisione) sono gli elementi portanti di un nuovo progetto artistico, intitolato BEWARE, che nasce sotto l’incombere degli eventi del mondo d’oggi, caratterizzato dall’instabilità degli equilibri internazionali e da un conseguente generale senso d’insicurezza.

Il terrorismo e la violenza diffusa, che ammazzano in nome dell’odio, incidono sulle emozioni e sui comportamenti quotidiani di ciascuno di noi, influenzando la realtà in cui viviamo, la nostra esistenza stessa. Le nazioni occidentali, che avevano cercato di “esportare” anche con la forza i concetti di libertà e democrazia (azione in sé paradossale, a ben pensarci), sono ora attaccate, sia dell’esterno sia dall’interno, da individui e organizzazioni che mirano a destabilizzare la certezza fallace di un’inviolabilità cui avevamo a torto creduto. Evangelisti, osservando con attenzione la società – come del resto ha sempre fatto, pure nelle sue opere più “scientifiche” – prende atto di tale stato di cose, ed esprime le nostre paure in installazioni costituite da elementi oggettuali, tangibili, e da componenti immateriali, generate da un’illusione percettiva. Citiamo il caso di HOLY LANCE, dove le armi, i coltelli usati per uccidere le vittime del sedicente Califfato, si dispongono a delineare l’immagine di un mirino (visivamente sovrapponibile a quella di una croce), evidenziando la natura paradossale e contraddittoria di una violenza perpetrata in nome di Dio. Lame specchianti d’acciaio e forme digitali che riflettono le sembianze di ciò che sta loro intorno contribuiscono a creare uno spazio che è insieme fisico e mentale, nel quale ci perdiamo a meditare.

Ha ben notato la curatrice Olivia Spatola che il simbolo stesso del mirino ricorre sotto vari aspetti in questa mostra, apparendo anche come luce olografica sospesa davanti a un proiettile che sembra pronto a colpire lo spettatore, possibile bersaglio ignaro di ciò che l’attende. Dal che emergono almeno due considerazioni: che l’intrecciarsi fra il reale oggettivo e la presenza virtuale rimane una costante del lavoro di Nicola Evangelisti. E che al centro di esso assume e conserva un ruolo basilare l’elemento della luce: anni fa indagato dal punto di vista fisico e filosofico; oggi impiegato soprattutto per un’impietosa analisi delle dinamiche sociali, politiche e dell’evolversi della psicologia collettiva. Ma pur sempre fattore generativo di un’arte che guarda al mondo, e che vuole dire qualcosa sulla realtà, su di noi.

 

 

 

Paolo Bolpagni

Nicola Evangelisti _ BEWARE

ed. Vanilla  2015

Catalogo in occasione della mostra personale presso AREA35 ARTGALLERY Milano