GET IN TOUCH:

© 2017 by Nicola Evangelisti. 

CONTACT US:

BOLOGNA

speculum solis

22   /   09   /   2014

Multimedia project by Nicola Evangelisti

In collaboration with Fabio Bozzetto and Giacomo Deriu

Sound design: Nicola Evangelisti (composer)

Bologna Water Design - 2014

Curated by: Eli Sassoli de 'Bianchi And Olivia Spatola

Church of St. Procolo, Bologna Italy

SPECULUM SOLIS

Progetto multimediale di Nicola Evangelisti in collaborazione con Fabio Bozzetto e Giacomo Deriu

Sound design: Nicola Evangelisti (compositore)

Bologna Water Design – 2014

A cura di: Eli Sassoli de’ Bianchi ed Olivia Spatola

Facciata della Chiesa di San Procolo, Bologna

Gli artisti Nicola Evangelisti e Fabio Bozzetto, con la collaborazione del compositore, omonimo, Nicola Evangelisti, hanno realizzato, in occasione della nuova edizione di Water Design 2014, una videoproiezione site specificsulla facciata della Chiesa di San Procolo di via d’Azeglio, Bologna. Il progetto  ha ridefinito le sembianze della facciata della chiesa grazie ad un intervento video incentrato su due elementi: sole ed acqua.

Il rosone esterno si è trasformato nell’immagine del sole, già presente al centro della cupola del coro, recuperando e reinterpretando l’antica iconografia cristiana di luce divina ed emblema del sacro.

Simboleggiando entrambi – il sole e l’acqua – la nascita e la custodia della vita, questi due elementi vivono di stratificazioni, provenienti da diversi retaggi ed epoche, e di diversificazioni che si succedono a livello sia stilistico che semantico.

Coincidendo nell’entità liquida della propria materia, acqua e fuoco solare, ritrovano una complementarità e quasi un completamento attraverso lo specchio ed il riflesso che l’uno fa nell’altro e viceversa.

Nella sua “Teogonia” Esiodo lascia che Helios e Selene nascano contemporaneamente assieme a Eos (Aurora): una sorta d’identificazione tra luce e buio, passando attraverso la medietà di ciò che è sia l’una che l’altro senza essere nessuno dei due. Identità nella differenza, alterità nella sovrapposizione dell’essenza ultima della sostanza.

Una coincidentia oppositorum entro la quale non possono esistere divisioni o contrapposizioni e nulla è solamente ciò che è. L’inizio coincide con la fine da cui scaturirà un nuovo inizio (l’alfa e omega di un “eterno ritorno“ universale): divinità celesti e divinità ctonie, apollineo e dionisiaco, luce e ombra, feminino e mascolino non possono esistere al di fuori della complementarità e della reciproca convivenza, non possono darsi se non nell’unità delle parti. Allo stesso modo l’acqua, privata del sole, sarebbe soltanto una parte di acqua, potendo raggiungere la propria comprensione e completezza nel rapporto biunivoco con l’alterità che le appartiene. A sottolineare tale sovrapposizione, sia a livello fisico che filosofico, la videoproiezione stabilisce una evidente identità tra i cerchi concentrici provocati dal movimento dell’acqua e il medesimo effetto che a livello ottico produce la luce del sole.

La Lux Inaccessibilis divina, accecante come la luce del sole, viene mediata dal riflesso dell’acqua che, come un varco, ci permette di vederla e di lasciare scaturire un processo di purificazione.